giovedì 21 dicembre 2017

STAR WARS: GLI ULTIMI JEDI - RECENSIONE



SPOILER STELLARI!
Eccoci qua. Già il fatto che ne scriva vuol dire che Ep.8 mi è piaciuto abbastanza. Il regista Johnson ha fatto in modo che persone ed eventi non seguano mai il finale che ci si aspetta, e questo atteggiamento ci vuole un pò per digerirlo poi però il finale di tutta la vicenda, è in linea con le aspettative. La storia poi non presenta buchi mostruosi e quindi il film risulta accettabile, direi anche che rende praticamente inutile la visione del capitolo precedente. E certo, dopo la cagata stellare che è stato Ep.7 non ci voleva molto a fare di meglio. Apprezzo comunque l'impegno di Rian, tanto che come in Ep. 5 oltre alla trama intravedo anche uno schema simmetrico: una battaglia stellare all'inizio e una alla fine.
Ecco i punti salienti:
1- Trama: si parte con l'attacco del Primo Ordine alla base della Resistenza (e adesso che la Repubblica è stata annientata ha senso che esista una "Resistance"!) sul pianeta D'Qar. I ribelli scappano ma devono affrontare la flotta del PO. A caro prezzo, vincono questa battaglia, ma non hanno tempo di esultare perchè compare tutta la restante flotta del PO, con in testa la nave del Leader Snoke. Comincia così un inseguimento che dura tutto il film, ma con vari colpi di scena. Infatti il piano di Dameron e di alcuni ribelli è di mandare Finn e Rose a disattivare il tracciatore iperspaziale, già citato in Rogue One, che c'è sulla nave di Snoke, con l'aiuto di un hacker di nome DJ ingaggiato sul pianeta Cantonica. Quando sembrava che il piano funzionasse, DJ li tradisce per soldi. Ma i due vengono salvati dalle mosse del Vice-Ammiraglio Holdo che non sembrava avere un piano per salvare i ribelli e invece un piano ce l'ha e cioè proseguire la fuga fino alla lor base semi-abbandonata di Crait e fare evacuare la sua nave, tra l'altro unica ad essere tracciabile dal supersensore. Ma di questo piano si accorgono gli uomini del PO e cominciano ad abbattere anche le navette di evacuazione ma....Holdo ha un nuovo piano e cioè, con il carburante rimasto, gira la nave ammiraglia, esegue un breve salto iperspaziale e si schianta sulla nave di Snoke, danneggiando pesantemente questa nave e distruggendo la flotta al seguito. In questo frangente si salvano Finn e Rose, che scappano anche loro su Crait. Qui c'è lo scontro finale, omaggio a Hoth. E si risolve grazie all'intervento di Luke che permette ai ribelli di scappare sul Millenium Falcon, per poi poter così riaccendere la ribellione in tutta la galassia vista l'attuale caos creatosi nel PO. La sottotrama riguarda l'evoluzione del rapporto fra i vari Jedi coinvolti: Rey, Luke, Kylo, Leia, ma ne parlo nel punto successivo che riguarda i personaggi.
2- Personaggi.
Luke: all'inizio vuole lasciarsi tutto alle spalle, perchè ha fallito nell'addestramento di Kylo, votato profondamente al lato oscuro. Ma Yoda, grandissimo, gli fa capire che ok, lasciamo tutte le leggende alle spalle, ma Rey deve istruirla. Luke poi per lo sforzo fatto su Crait, come i suoi maestri, diventa uno Spirito della Forza.
Rey: in questo film apprende molto sulla Forza, comincia a dominarla, e capisce e accetta (secondo quanto dettole da Kylo) che i suoi genitori erano dei nessuno: ma in fondo I jedi non è così che nascono?
Kylo: Rian ci dà l'illusione che si redima grazie a Rey e diventi un Jedi, invece è proprio un capriccioso bimbominkia, che vuole essere il numero uno del parchetto delle giostre. Lontano anni luce dal nonno.
Snoke: lontano anni luce da Palpatine, di cui è solo una pallida imitazione, e la fine che fa, trafitto da Kylo, conferma questo giudizio.
Finn e Rose: nuova simpatica coppietta di ribelli?
Dameron: nuovo Han?
Phasma: inutile.
Hux: con lui si ride!
Leia: superpowered!
DJ: boh.
Nota sui Jedi: si vedono nuovi utilizzi della Forza: Leia respira e vola nel vuoto siderale, Luke usa una telemanifestazione di se stesso da un pianeta ad un altro, Yoda (già Spirito della Forza) scatena un fulmine che neanche Storm degli Xmen!
3- Ambientazioni all'altezza della saga. Musiche, ok ma senza marcia Imperiale, qualcosa manca.
4- Mechanic design: allelluia, finalmente astronavi e mezzi vari!! Fichissima la super corazzata del PO. Belli i bombardieri ribelli con cabina del falcon e struttura simile al B-wing, come lo ricordano anche i piccoli sky speeder che ricordano anche un pò gli sgusci di ep.1. Infine notevoli i nuovi camminatori dei cattivoni.
Concludo quindi dicendo che tutto sommato mi è piaciuto. E' un bel balzo in avanti, come detto anche dai vari personaggi. Ora il problema è che Jar Jar si occuperà di Ep.9 e avrà il seguente dilemma da risolvere: Leia è viva e Carrie no, Harrison è vivo e Solo no!!! 
Nota finale: uscendo dalla visione del film una parte del mio lato oscuro si è fatta sentire e mi ha detto che di Star Wars, Star Trek, Terminator e di altre grandi saghe che ci propina Hollywood per farci comprare il merchandise, ne ho un pò piene le scatole! Starò diventando uno sporco bastardo cinico come DJ?
By Sanchez

2 commenti:

Marco Alfaroli ha detto...

Grande! Analisi divertente e precisa.

Fantascienza & co. ha detto...

Grazie Marco!